L'ARTE DI FAR SUCCEDERE LE COSE






“Successo” è il participio passato del verbo succedere e indica la particolare abilità che alcuni individui hanno di riuscire a far accadere determinate cose nella propria vita.
Saper “far succedere le cose” è una capacità che dipende da linguaggi profondi e simbolici della mente inconscia, mediante la quale riusciamo a rendere reale ciò che vogliamo autenticamente
Disegnare la propria vita, vuol dire riconoscere innanzitutto le proprie esigenze, ed attivare un particolare tipo di volontà capace di “realizzare”.
L’autore ci porta a conoscere il funzionamento della nostra mente, del subconscio e di tutti i condizionamenti ai quali siamo sottoposti.
Non gettare sugli altri la tua responsabilità; è questo che ti mantiene infelice. Assumiti la piena responsabilità.
Ricorda sempre: “Io sono responsabile della mia vita.
Nessun altro è responsabile; pertanto, se sono infelice, devo scrutare nella mia consapevolezza: qualcosa in me non va, ecco perché creo infelicità tutt’intorno a me”. Osho

Grazie all’introduzione di innovativi concetti, quali le cinque intelligenze, i codici nascosti che influenzano il nostro comportamento, i giochi di potere e l’Economia del dono, questo testo offre una serie di tecniche e prospettive per vivere liberi e consapevoli.
Un nuovo paradigma di “vivere”, dove creatività e intuizione possono cambiare intenzionalmente le regole del gioco.
Leggi un estratto dal Libro:
“Il linguaggio inconscio è un codice
Da cosa dipende ciò che succede nella nostra vita?
Destino e casualità o scelta e causalità?
Esplora la possibilità di “saper far succedere le cose” attraverso un linguaggio simbolico capace di creare nessi causali nella trama del nostro destino.
Questo linguaggio sostanziale e inconscio è un codice.
Esistono fondamentalmente due tipi di individui, gli esterni e gli interni.
Gli individui esterni credono che la loro vita dipenda da fattori esterni: la crisi, la legge, il governo, la guerra, il destino, Dio, il caso… Sentono che la responsabilità della loro vita non dipende totalmente da loro, ma da un fattore esterno che ne determina l’andamento, e sono propensi a scaricare su questi fattori ogni responsabilità.
Gli individui interni, invece, sentono che la loro vita dipende da un “fattore interno” e che indipendentemente da crisi e difficoltà o da qualsiasi altro fattore esterno, riusciranno a essere artefici del proprio destino. Eianno un sentire completamente diverso dagli “esterni” e tendono a ricercare nel loro animo la causa di ciò che avviene nella loro vita. Il cambiamento, per loro, avviene da dentro e l’esterno è il semplice riflesso di ciò che intimamente sono. Essere “interni” ha dei vantaggi importanti nell’affrontare i problemi e trasformarli in risorse, neU’assumersi la responsabilità, nel riuscire a maturare strategie vincenti ed efficaci.
Lavorare sui nostri codici del successo, permette di trasformarci gradualmente in individui interni.
Così come esiste un codice genetico che regola l’espressione della nostra macchina biologica, esiste anche un codice di pensiero, impressioni e credenze che influenza tutto ciò che succede nella nostra vita.
Esiste un linguaggio interiore, simbolico e il più delle volte inconscio, che influenza intensamente e crea tutto ciò che viviamo: le relazioni, le scelte, le decisioni, le amicizie, il lavoro, il successo e il fallimento, lo stato di salute e la capacità di rialzarci dopo le tempeste che segnano l’esistenza.
A ognuno di noi è data la possibilità di accedere a un significato simbolico celato dietro ogni desiderio, ma alla stragrande maggioranza degli esseri umani sembra che non interessi scoprire ciò che esiste oltre le apparenze perché non ne coglie il potenziale e l’utilità.”

Daniel Lumera

FONTE : https://www.naturagiusta.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA