PRIMA DI FINIRE



Ho cercato così a lungo le tue mani
che solo oggi
guardando indietro
vedo gli anni  passati
senza sentirne più la vecchiaia.
Senza coglierne i resti
sulle lune, i prati e le felci
quando la luce ci passa attraverso e le sfira.

Ieri ho annusato a lungo
la sorgente che ci trovava insieme,
scivolando su inutili strade
che portano tutte verso lo stesso
abisso.

E ho paura.

Ho paura delle cose che sono passate,
del vento tra le orecchie
sopra le infinite montagne,
delle corse magre dei caprioli.

Sento l'abisso di secoli
-tutti qui-
che sembrano all'improvviso incolmabili
e incolmati,
nel tentativo di riportarti qui
 senza poterne parlare.
Senza poterlo sapere.

Eppure
ricordo anni più semplici.

O forse solo l'illusione di potere,
l'amore della voce
dei volti
delle croci.

Sono un soffio,
il colpo di coda della sera
prima di finire.

Sara

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA