ASPETTATIVA E DELUSIONE





La domanda che ci poniamo è: come possiamo non crearci aspettative?

All’inizio, la cosa fondamentale è imparare a lavorare e riconoscere sempre ciò che è reale ed è sotto il nostro controllo, differenziando da ciò che è fantasia e giusta probabilità e che cos’è il fatto e qual è la scintilla del divenire, riguardo a sé e agli altri.

Un’altra cosa da fare è non affidare la nostra felicità agli atti, alle parole o alle azioni degli altri, chiunque esso sia. Essere ricordati, amati o riconosciuti è un bene per l’ego e per lo spirito, ma non essere dipendente dal riconoscimento è liberatorio.

Nel momento in cui smetti di cercare di soddisfare le aspettative degli altri o di riconoscere che nessuno è obbligato a occuparsi dei tuoi, le frustrazioni scompaiono come in un incantesimo.

Tuttavia, questo cambiamento non è una strada facile. C’è ansia, disperazione, disaccordo tra tentativi e azioni.

Una cosa è certa, minore è l’aspettativa, minore è la delusione.

Riconoscere e relazionarsi con un’altra persona da come si presenta a te, come non ti aspetti, è mozzafiato! Allo stesso modo, non permettere a te stesso di aspettarti di realizzare qualcosa al di là dei tuoi desideri, speranze o sogni, è una leggerezza per il corpo e uno spirito ancora più grande.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA