CRISTALLI: NATURA E MAGIA ( parte 2 )





La natura è un tempio dove incerte parole
mormorano pilastri che sono vivi
una foresta di simboli che l'uomo
attraversa nei raggi dei loro sguardi familiari.
(C. Baudelaire)

E con queste parole apriamo la seconda parte del nostro viaggio nel fantastico mondo dei minerali.

OCCHIO DI TIGRE



Secondo alcune leggende medioevali l’occhio di tigre riesce a difendere il suo proprietario dai demoni e gli spiriti maligni. I suoi riflessi sono simili a quelli di un occhio e per tanto si ritiene che agisca come protettore nei confronti di questo organo. In India invece, molti secoli fa, questa pietra veniva donata dalla madre al figlio, per aiutarlo a superare tutti i rischi e i problemi giornalieri.

L’occhio di tigre appartiene al gruppo dei quarzi, ma non è una pietra vulcanica, bensì nasce nelle viscere di Madre Terra. E’ originaria del Sud Africa ma alcuni giacimenti si trovano anche in Australia, India, Brasile e Birmania. I suoi colori sono a dir poco favolosi e sono proprio tutti questi riflessi ad averla resa nota anche come pietra della divinazione. Per la sua particolare bellezza viene ampiamente utilizzata anche per la creazione di gioielli. In cristalloterapia invece viene impiegata per armonizzare i centri energetici insieme ad altri minerali. L’occhio di tigre non lavora solo sul primo chakra e l’aura, ma anche sulle altre pietre, amplificando la loro portata.

Aiuta quelle persone che hanno bisogno di “smussare” un po’ gli angoli del proprio carattere. Le persone sotto questo stile di vita tendono si a vivere con semplicità, ma delle volte si dimenticano dei bisogni degli altri. L’occhio di tigre dona equilibrio, imparando si a non farsi carico di pesi inutili, ma rimanendo sempre disposti ad aiutare le persone nel momento del bisogno.

L’occhio di tigre viene utilizzato in cristalloterapia per armonizzare i primi tre chakra, dal chakra della radice fino al plesso solare. E’ una pietra dall’energia maschile, collegata all’elemento fuoco. Vediamo come questa pietra agisce nello specifico.

Indossando costantemente l’occhio di tigre si vanno ad alleviare gli stati di panico e di ansia. Perfetta quindi per quelle persone che cadono in fretta vittime del nervosismo, non riuscendo più a vedere le cose con la giusta lucidità.
Alcuni benefici dell’occhio di tigre sulla mente sono:
-Dona chiarezza mentale, aiuta quindi a decidere con una maggior decisione la strada da intraprendere.La persona che la indossa si sentirà molto più sicura di se, piena di forza.
-L’occhio di tigre è conosciuto anche come “pietra della volontà”. Per questo motivo si allinea perfettamente all’energia del terzo chakra. La persona che la indossa si rende conto che deve assumersi le proprie responsabilità.
-Stimola il senso di stabilità e praticità. Aiuta a diventare più reattivi quando l’occasione lo richiede.

Si crede che l’occhio di tigre riesca ad alleviare il dolore. Equilibrando il flusso energetico dona al corpo un senso di rilassamento che riesce a distendere i nervi. E’ particolarmente utile soprattutto in caso di mal di testa, porta benefici al fegato, lo stomaco, l’intestino e la milza. Viene utilizzato anche per alleviare i sintomi dei problemi che colpiscono l’apparato respiratorio, quali asma, bronchite e raffreddore.

Tanto si sente parlare della Kundalini, il serpente arrotolato alla base della colonna vertebrale, l’energia divina assopita su Muladhara (il primo chakra). Secondo alcuni, l’occhio di tigre favorisce il risveglio di questa energia. Io direi piuttosto che può supportare un processo lungo anni di introspezione e crescita personale. Non basta certo un minerale per svegliare l’energia divina, la quale salendo lungo sushumna -il canale energetico principale del corpo, corrisponde fisicamente alla spina dorsale – porta all’illuminazione.

L’occhio di tigre stimola i desideri più profondi. E’ tutto sommato una delle migliori pietre per la meditazione. i suoi riflessi dorati vibrano con i chakra più alti e aiutano a connettersi con il divino, provando un senso di amore incondizionato. I desideri poi non appariranno più irraggiungibili, siano essi di natura spirituale che materiale. E’ una pietra che dona abbondanza in ogni sfera della vita.

Trattandosi di una pietra ricca di ferro, io consiglio di non tenerla troppo a contatto con l’acqua. Un lavaggio veloce e un’asciugatura altrettanto rapida ma accurata sono più che sufficienti. A differenza degli altri quarzi invece, si carica molto bene a contatto con i raggi del sole.



QUARZO ROSA




Gli Assiri utilizzavano queste pietre per creare magnifici gioielli, da utilizzare sia a fini estetici che esoterici.

Una leggenda greca vuole che sia stato il dio Eros a far dono di questo minerale agli uomini. Secondo una leggenda orientale invece, due giovani innamorati ma di casta sociale diversa, erano costretti a incontrarsi di nascosto e ogni volta il ragazzo portava in dono all’amata una rosa bianca. La storia finì in tragedia, quando il padre di lei scoprì la relazione, li uccise. La rosa che tenevano tra le mani divenne pietra, trasformandosi nel quarzo rosa.

Il quarzo rosa veniva utilizzato anche in Egitto per preservare la giovinezza, la bellezza e l’amore. Collegata al 4° chakra, viene utilizzata in cristalloterapia per promuovere i sentimenti più puri e l’armonia.

Questo quarzo lo consiglio a tutte quelle persone che desiderano promuovere la pace interiore. A coloro che sentono il bisogno di trovare il giusto equilibrio tra le proprie emozioni.

Chi indossa un quarzo rosa deve utilizzare una lunga catena, che lasci cadere il minerale proprio all’altezza del cuore. Calma, rilassa e aiuta a perdonare i torti subiti, senza per questo rimanerne vittime. Se siete persone che si fanno sopraffare facilmente dallo stress, dalla gelosia e dal risentimento, ecco che questo minerale fa proprio a caso vostro!

Una delle pietre femminili per eccellenza. Rappresenta l’elemento acqua e si carica perfettamente sotto gli influssi lunari. Essendo un quarzo, è bene evitare il sole diretto. Lavora soprattutto sulla sfera delle emozioni, promuovendo la femminilità, la compassione e l’intuizione. In cristalloterapia comunque, a questa pietra vengono attribuite delle capacità anche sulla sfera fisica. Vediamo adesso le proprietà del quarzo rosa nelle varie sfere della vita.

Il quarzo rosa lavora sulla psiche umana, aiutando la persona ad accettare anche i cambiamenti più difficili, soprattutto quelli che derivano da una separazione affettiva. Dona conforto e aiuta ad aprirsi all’amore, nonostante le sofferenze passate. Quando il quarzo rosa porta la persona “all’eccesso”, ecco che la sensibilità tanto ricercata può diventare addirittura suscettibilità.
Viene considerata anche la pietra degli artisti, in quanto riesce a sviluppare l’amore per il bello.

A mio avviso però, sarebbe del tutto riduttivo dire che il quarzo rosa aiuta ad aprirsi all’amore verso il prossimo. La maggior parte di noi infatti, tende a provare questo sentimento verso un numero piuttosto ristretto di individui, trasformando l’amore in possessività, egoismo, gelosia etc.

Quando diciamo che il quarzo rosa apre all’amore, si intende proprio l’Amore più puro, quello incondizionato, che va non c’entra niente con l’attrazione fisica. L’amore che si potrebbe provare per un fratello, il cui volto si rintraccia in ogni forma di vita del creato. Si entra quindi nella sfera spirituale.

L’amore sarà rivolto sia alla persona amata che agli altri. Aumenta la compassione, la tolleranza e la generosità. E’ una pietra che dona la calma, sciogliendo le tensioni e portando la persona a sentirsi tutt’uno con l’Universo. Non a caso questo minerale viene considerato anche il cuore della Madre Terra.Il quarzo rosa è considerato un ottimo alleato per coloro che hanno iniziato un percorso introspettivo e sono interessati al proprio sviluppo personale, soprattutto a livello spirituale.

A questo bellissimo minerale è stato attribuito il complicato ruolo di aiutare la persona a incontrare (e riconoscere) la propria anima gemella.

Il suo legame con il cuore agisce anche a livello fisico. Questa pietra sembra che aiuti ad alleviare i disturbi che interessano il sistema circolatorio e quello cardiaco, riducendo la tachicardia e regolando il battito cardiaco. Combatte depressione, stress, insonnia e stanchezza. Sembra che nella vita di coppia aiuti a superare alcuni problemi legati alla sfera sessuale e la fertilità.

Il quarzo rosa viene caricato grazie agli influssi della luna piena e dovrà essere scaricato sotto l’acqua corrente dopo ogni utilizzo.

E con questo per oggi abbiamo concluso. Spero che queste nozioni elencate siano lo spunto per voi per sperimentare.
Cercate la vostra pietra e ascoltatela. Prima di sapere qualsiasi significato e proprietà abbiano imparate ad ascoltare voi stessi, come reagisce il vostro corpo al contatto, che pensieri vi stimola che emozioni vi suscita.
Ricordando che non solo i meravigliosi cristalli sono utili anche banali sassi possono portare energie e parole mute che ci mancano.

Sara
(Riproduzione consentita solo con citazione della fonte : https://lasorgenteeladea.blogspot.com/ )
Se vuoi contattarmi per avere info sui miei trattamenti individuali, sui Cerchi Sacri di Donne che facilito o sui miei aventi e seminari scrivimi via mail a saracabella@gmail.com
o chiedimi l'amicizia su FB  a https://www.facebook.com/sara.cabella 

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA