PLASTICA DENTRO AI PESCI NELLE NOSTRE TAVOLE







I risultati di una ricerca condotta insieme all'Università Politecnica delle Marche e l'Istituto di Scienze Marine del Cnr di Genova conferma la presenza di particelle nel 25-30% del pescato del Mar Tirreno (Liguria, Toscana, Lazio e Campania)

LA PLASTICA che inquina i mari finisce all'interno di pesci e invertebrati e, con loro, rischia di entrare nella catena alimentare fino all'uomo. La conferma arriva da una ricerca condotta da Università Politecnica delle Marche, Greenpeace e Istituto di Scienze Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Genova, che registra la presenza di particelle di microplastica in un quarto degli esemplari analizzati.

Il rapporto diffuso da Greenpeace rivela i risultati delle analisi effettuate negli organismi prelevati nel Mar Tirreno (Liguria, Toscana, Lazio e Campania), il 25-30% del quale è risultato contenere microparticelle di plastica, evidenziando livelli di contaminazione paragonabili a quelli già riscontrati negli organismi analizzati nell'Adriatico.

La mia Bibbia degli Oli Essenziali
La guida più completa all'aromaterapia - Nuova edizione aggiornata e ampliata
Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere
€ 19.9



La presenza di microplastica è stata documentata in organismi marini appartenenti a specie diverse e con differenti abitudini alimentari, dalle planctoniche agli invertebrati, fino ai predatori.

Nei siti di Genova, Grosseto, Isola del Giglio, Ventotene e Napoli sono stati analizzati più di 200 organismi marini tra pesci e invertebrati comunemente consumati e pescati in Italia, come acciughe, triglie, merluzzi, scorfani, gamberi e cozze. Il polimero più presente è il polietilene, con cui viene fatta la maggior parte del packaging e dei prodotti usa e getta.

"Ciò che ci preoccupa maggiormente è la rapida evoluzione di questo problema e la graduale trasformazione delle microplastiche in nanoplastiche, particelle ancora più piccole che se ingerite dai pesci possono trasferirsi nei tessuti ed essere quindi ingerite anche dall'uomo, con rischi per la salute ancora sconosciuti", dichiara Serena Maso della Campagna mare di Greenpeace.


FONTE https://www.facebook.com/GreenpeaceItalia/

La Grande Via
Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa
Voto medio su 26 recensioni: Da non perdere
€ 14



Prevenire e Guarire con lo Yoga
Scopri gli esercizi e le posizioni che prevengono, alleviano e curano oltre 40 tra i maggiori disturbi che ci affliggono
€ 24.5


Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA