IO SONO UNA STREGA






Ogni tanto dimentico di essere una Strega.
Scordo che attraverso la mia pelle
cantano in coro tutti i fiori
le erbe e gli alberi.

Le stelle del cielo
e i Poteri della Terra,
fino ai profondi insondabili abissi del mare.

Smarrisco la memoria
e m'illudo di avere paura del buio.

Ma la notte è il mio dolce rifugio
nel quale
animali e suoni mi circondano
per sussurrare le parole
che aprono i portali.

Nelle pozze in cui vedo le cose di domani.

Nella dolce Luna,
Cacciatrice,
Madre,
Oscura,
Luminosa
e poi di nuovo mortale.

Ogni tanto dimentico di essere una Strega.

Scordo che attraverso la mia pelle
cantano in coro tutti i fiori
le erbe e gli alberi.

Smarrisco la memoria
 m'illudo di avere paura del buio.

Incanto e Magia
sono le compagne
del mio cammino selvaggio,
la Saggezza della Vita
è l'ispirazione a cui mi affido,
il Coraggio l'unico abito
sopra il mio corpo nudo,
l'Ardore il bersaglio della mia freccia.

Il Silenzio
sigillo custode e vate.
Ancora chiamo
le mie sorelle lupe,
le dolci lepri e le serpi
che cambiano la muta.

Il gufo e la faina.

Qui accendo la mia candela
per te
che ora cerchi aiuto,
affinché questa notte il mio canto
ti raggiunga
e si avveri il desiderio
del tuo Cuore.

E del mio
dove con la rugiada
entri l'amore.

Sara Cabella
Riproduzione consentita solo con citazione della fonte https://lasorgenteeladea.blogspot.com/

Nuvole Vaganti
La raccolta di un Maestro Zen
€ 18

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA