DONNE CHE CORRONO CON I LUPI






Una volta, una notte nera e profonda, una di quelle notti in cui la terra è nera e gli alberi paiono mani rugose e il cielo è di un blu profondo, un vecchio attraversava barcollando un bosco, mezzo accecato dai rami degli alberi che gli graffiavano la faccia. In una mano teneva una piccola lanterna. La candela nella lanterna mandava una luce sempre più fioca. L'uomo aveva lunghi capelli gialli, denti gialli e unghie ricurve e gialle. Era tutto curvo, e la schiena era arrotolata come un sacco di farina. Era tanto segnato dalle rughe che la pelle pendeva a pieghe e falde dal mento, dalle ascelle e dalle anche.
Si afferrava a un albero e poi avanzava un poco, poi si afferrava a un altro albero e riprendeva il cammino, e così andava avanti nel bosco. Tutte le ossa dei piedi gli dolevano e bruciavano come fuoco. I gufi sugli alberi stridevano insieme alle sue giunture mentre si spingeva avanti nell'oscurità.
In lontananza si scorgeva una piccola luce tremolante, una casetta, un fuoco, un posto per riposare, e faticosamente si diresse verso quella piccola luce. Quando arrivò alla porta era così stanco, esausto, la piccola luce della lanterna si spense e il vecchio crollò contro la porta.
Dentro c'era una vecchia seduta vicino ad un fuoco ruggente, e gli corse accanto, lo raccolse nelle sue braccia e lo portò accanto al fuoco. Lo tenne tra le braccia come una madre tiene il suo bambino. Si sedette sulla sua sedia a dondolo e lo cullò. Eccoli, il povero fragile vecchio, un mucchietto di ossa, e la forte vecchia che lo cullava avanti e indietro. E lo cullò per tutta la notte, e verso l'alba era diventato un uomo molto più giovane, un bellissimo uomo dai capelli d'oro e dalle forti membra. E lei continuava a cullarlo.
Stava per spuntare l'alba, la vecchia si affrettò a stappare tre capelli dalla testa del bambino e le gettò sulle mattonelle, e cadendo produssero un suono cristallino.
E il bimbetto che teneva tra le braccia scivolò giù dal suo grembo e corse alla porta. Si voltò un attimo a guardare la vecchia, le sorrise di un sorriso luminosissimo, poi si volse e volò in cielo per diventare lo splendido sole del mattino.

Quando il nostro intento è chiaro, non affoghiamo in fantasie di evasione, siamo integrate e la nostra vita fiorisce, ci occorre ancora sapere che cosa fare quando ci sfuggirà il fuoco, quando saremo logorate. Questa è la storia di come riappropriarsi del fuoco quando lo si è perduto. Il CONTENIMENTO è la risposta al problema della perdita di energia.
Quando in una favola è notte sappiamo di trovarci nell'inconscio. In questo racconto l'energia, sotto forma di un uomo vecchissimo, s'indebolisce sempre di più. E' sbagliato, quando si perde il fuoco, affannarsi per rimetterlo insieme. Sedere e dondolarsi è la cosa da fare. Conservare l'idea e la pazienza di cullarla.
La piccola luce rappresenta l'idea stessa, che si affatica e quasi si estingue. Ritroviamo qui La Que sabè, la donna di due milioni di anni, stare accanto al suo fuoco permette di riprendersi. La donna la cui idea o le cui energie sono svanite deve conoscere la strada per andare dalla vecchia curandera. Deve riposare, dondolarsi, ritrovare il suo fuoco. Deve ringiovanire, recuperare l'energia.
Il portare a termine lunghe fatiche, come terminare la scuola, o un'opera, o curare un malato, fa sì che a un certo momento l'energia un tempo giovane invecchi. E' meglio per le donne capirlo all'inizio di uno sforzo, perché la fatica le sorprende. La presunzione della forza eterna al maschile è un errore.
Nella storia tre capelli vengono gettati a terra. I capelli sono il simbolo del pensiero, gettarne via qualcuno rende il bambino più leggero, lo fa brillare di una luce più vivida. Strappate tre capelli dalla vostra idea e gettateli a terra. Tagliare i rami secchi aiuta l'albero a crescere più forte.
Se avete perduto il fuoco, la concentrazione, sedete e state quiete. Prendete l'idea e cullatela. Tenetela in parte, e in parte buttatela, si rinnoverà.

Tratto da "Donne che corrono con i Lupi" di C. P Estess

Sono lieta di invitarvi tutti al Seminario di 1 Livello Reiki che terrò Sabato 20 Ottobre e Domenica 21 Ottobre a Genova centro in Meridiana asd dalle 10 alle 17/18.
Il seminario è a numero chiuso di almeno 4 persone a un massimo di 8.
Per info e prenotazioni contattatemi quindi al più presto e comunque entro e non oltre lunedì 15
in chat privata su FB dopo avermi chiesto l'amicizia a https://www.facebook.com/sara.cabella
o via mail a saracabella@gmail.com
o su cell al 3487228199


La Danza delle Grandi Madri
Dalla giovinezza alla Maturità. Dalla Maturità alla Giovinezza
Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 8.9

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA