I SEMPLICI PRINCIPI DEL REIKI





Reiki è un modo semplice e accessibile a tutti per portare luce( in senso di chiarezza )e cura( in senso di amore) a tutte le problematiche che possiamo avere nella vita. Reiki non è andare contro natura! Non è manipolare eventi e persone. Non è una bacchetta magica che agisce in modo innaturale. Reiki accompagna il naturale processo che è già insito nella natura delle cose.
Quindi cosa accade? Se per esempio noi abbiamo fatto indigestione Reiki lavorerà per mostrare chiaramente il cibo che ci ha fatto male, o al contrario la situazione o la persona che noi non digeriamo più. Poi non andrà contro il decorso naturale della malattia, ma accelererà il processo per far si che noi si stia meglio prima. In altri casi potrebbe rallentare il decorso della malattia se la nostra anima ha bisogno di quello aumentando la consapevolezza che ci occorre per procedere nei migliori dei modi.
Ci sono alcuni passaggi che sono necessari per diventare operatori Reiki davvero, in gradoi di muoverci in modo consapevole.
Usui fu l'unico a ricevere Reiki nei suoi tre livelli tutti insieme sul monte Kurama. E' stato l'unico in grado di integrare e ricevere tutti e tre i livelli insieme perché quello era il suo destino e per tutta la vita si era preparato per quello.
Ha dato però precise indicazioni su come doveva essere passato Reiki per il massimo bene di tutti.
Questo vuole dire che nessuno al mondo può prendere tutti e tre i livelli assieme? No! Probabilmente ci saranno persone che in altri tempi e altri spazi sono già state preparate a ricevere questa energia e la sua frequenza tutta in una volta sola e quindi possono ricevere tutti e tre i livelli insieme .... Una persona su 1000 forse ...
Quello che Usui e la tradizione passano è un primo Livello che consiste in 4 attivazioni date a 2 ore di distanza l'una dall'altra, intervallate da pratiche e meditazioni che contribuiscono a far fluire l'energia potente di Reiki e a comprenderla, amarla, unire la nostra energia a quella di questa frequenza molto pulita e molto intensa anche.
Dopo la prima attivazione si passa sempre per tradizione a 21 giorni di purificazione e integrazione dell'energia Reiki. In questi 21 giorni viene raccomandato di eseguire su di sé l'autotrattamento per favorire il processo di integrazione. Reiki fa luce su dinamiche distorte, vede molti cambiamenti dentro e fuori .... perché mentre noi cambiamo cambiano anche i nostri modi e il nostro campo energetico e quindi attiriamo e respingiamo persone completamente diverse e tutto ciò ha bisogno di questo tempo per essere assimilato in modo costruttivo.
Questo significa che tutti hanno per forza bisogno di questi tempi?
No certo che no. Può essere che alcuni già da prima avessero un assetto energetico pronto a cogliere e integrare il tutto senza bisogno dei 21 giorni di purificazione ... sempre il solito 1 su 1000 più o meno ...
Tra primo e secondo livello non c'è un tempo preciso ma si consiglia di lasciare trascorrere almeno 6 mesi o anche un anno per ricevere il secondo livello. In questo tempo è fortemente consigliato viversi Reiki scambiando anche con un master o per lo meno con altri operatori magari di 2 livello per essere consigliati e aiutati in caso di dubbi, perplessità e domande eventuali. Questo perchè Reiki non diventi solo un attestato da appendersi in cameretta, ma sia una tecnica che se usata con costanza possa diventare un vero e proprio percorso personale in grado di favorire davvero alti livelli di consapevolezza. Questo tempo indicativo è necessario per tutti? No al solito ci sarà quel 1 su 1000 ...
I livelli indicano che chi ha 3 livelli sta sopra a chi ne ha uno?
NO assolutamente no!!! Nel mondo spirituale non ci sono livelli, nè tempo .... peccato che però qui siamo ancora in terza dimensione .... e che quindi a pari onori e dignità il nostro corpo fisico la nostra psicologia e le emozioni abbiano bisogno di alcuni passaggi .... giusto così ... per non esplodere o non restare nell'incosapevolezza di quello che stiamo facendo.
Bisogna per forza fare Reiki per diventare canali di energia?
NO! Esistono pranoterapeuti che canalizzano energie molto benefiche e molto guaritive ... ma non Reiki. Se non hanno ricevuto attivazioni e non richiamo con consapevolezza Reiki possono fare cose meravigliose ma non stanno facendo Reiki. E quindi sappiate da operatori e da riceventi che state dando/ prendendo la vostra energia e non state attingendo da Reiki!
Poi : come capisco se mi hanno insegnato bene ?
Se facendolo nei modi insegnati dalla tradizione sono in grado di fare quello che mi dicono avermi insegnato.
Io non sono per cifre esagerate e  altissime perché infondo reiki è per tutti, però è equo farsi pagare il tempo che mettiamo per insegnare, i soldi che noi abbiamo speso per formarci e gli anni che abbiamo speso per formarci.
Se però mi hanno dato tre livelli  a offerta libera con attivazioni collettive, via mail , etc e non ho capito nulla di quello che è successo .... io mi porrei qualche quesito sulla validità di queste esperienze.
E attualmente sempre più persone vengono da me a dire: ho preso Reiki ma non so né cosa sto facendo né come farlo ....

Sara

Lunedì prossimo ricevo con le sedute individuali a Novi Ligure e venerdì 9 Novembre sarò con le sedute individuali a Genova in Meridiana asd.
Se senti un richiamo verso questa esperienza non esitare a prenotare il tuo posto via mail a saracabella@gmail.com
o chiamandomi su cell al 3487228199
o ancora scrivendomi dopo avermi chiesto l'amicizia su FB a https://www.facebook.com/sara.cabella

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA