ARYA STARK: MAGA, GUERRIERA E PIONIERA DI UN MONDO NUOVO





Già dal principio qualcosa di questa bambina riporta alla magia.
Sarà la presenza al suo fianco della metalupo Nymeria, che prende il nome della famosa regina guerriera dell'area della Rhoyne, sarà il modo in cui questo rapporto tra metalupo/umano prosegue nella vicenda.
Nymeria arriva ad Arya talmente piccola da avere ancora gli occhi chiusi ma appena li apre, nel loro bel giallo, permettono ad Arya di vedere quello che loro vedono e di sognare e muoversi attraverso di loro. Nymeria diventa un po' il Daimon della ragazza, la segue, le ubbidisce, s'infastidisce solo quando Arya cerca di pettinarla e pulirla. Saranno insieme fino a quando Arya la farà fuggire per salvarla dalla morte, lasciandola libera nei boschi. E liberando se stessa per la prima volta.
Nymeria rappresenta il potere naturale istintivo, la capacità di percepire il pericolo, difendere il proprio spazio, trovare nutrimento e nel contempo mostrare lealtà e affetto verso la sua umana. Ha il potere selvaggio e animale della Strega. Tutte queste qualità le passerà ad Arya (o sarà Arya a passarle a Nymeria?). E quando Arya scaccia Nymeria,  fa quello che imparerà a fare successivamente: muore un po' a se stessa, cambia volto, scioglie l'idea che ha di sé.
Per tutta la serie Arya impara a combattere.
Combatte per vendetta, per portare equilibrio dove equilibrio non c'è stato.
Passa attraverso moltissimi maestri: Syrio l'elegante, Tywin il presuntuoso, il Mastino che le mostra la collera. Da tutti costoro Arya impara l'arte del combattimento, impara a gestire il coraggio equilibrandolo a uno sguardo disilluso e realistico ( la realtà per quello che è ).
Ma per poter far fluire tutto questo in un modo realmente utile c'è bisogno di organizzare il tutto, comprendere l'istinto e abbandonarlo, comprendere la rabbia e abbandonarla, comprendere se stessa e abbandonarsi, finire nel flusso del Dio dai Mille Volti, questo Dio che comanda oltre al bene e al male, oltre al giusto e all'ingiusto.

Il Trono di Spade - Il Trono di Spade - 1
Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Libro Primo
€ 12,00



E così Arya incontra il suo ultimo maestro: Jaquen H'ghar.
Arya entra nella Casa del Bianco e Nero e diventa Nessuno.
Comprende infine che i mille volti possono essere tutti i suoi, vive nella sua carne l'esperienza di non essere nessuno, lei diventa Nessuno. Impara a morire a se stessa per risvegliarsi un'altra e poi un'altra ancora.
La vendetta può essere fatta solo quando la sete di vendetta cessa.
Questo è un percorso spirituale vero e proprio che la porta a diventare da giovane coraggiosa a accorta guerriera, da incontrollata strega a sapiente sacerdotessa. Nel non essere nessuno conosce se stessa e tutto quello che può essere, tutto ciò che in realtà non è. Diventa cieca, passa attraverso le continue aggressioni dell'Orfana. Passa tutto e alla fine è costretta a uccidere un uomo innocente ... e lei rifiuta per il suo grande senso morale.
Ma uccidere oltre al proprio giudizio è l'ultima prova per morire di nuovo a se stessa, per lasciare andare il pezzo di personalità che dice cosa è giusto e cosa è sbagliato. Lei non lo fa ma infine riesce con un laborioso piano a uccidere l'Orfana e diventare Nessuno.
E si ritrova alla fine della seria.
Danaerys impazzisce come suo padre, accecata dal potere e dal sangue diventa la regina pazza e viene uccisa.
Il Trono di Spade viene distrutto e non esiste più ... o forse non è mai esistito ... proprio come il potere, che illude di poter essere racchiuso nelle mani di uno ma quando arriva nelle mani di uno si sgretola, si distrugge per riformarsi e dare ancora l'illusione di esistere.
E Arya cosa fa?
Abituata a morire, abituata ad abbandonare tutto quello che ama, abituata a stare sola, a rinascere un'altra, Arya abbandona la sua terra e si spinge oltre i confini.
Comprende che tutto quello che è stato non c'è più.
E da sola parte per esplorare terre nuove, pioniera di nuovo mondo.

Sono presente a Genova giovedì con le sedute individuali di Channeling a Genova e mercoledì 5 Giugno condivideremo l'ultimo Cerchio Sacro delle Donne in Meridiana, sempre a Genova.
I posti sono limitati, chiunque fosse interessato mi contatti in chat di FB dopo avermi chiesto l'amicizia a https://www.facebook.com/sara.cabella
o via mail a saracabella@gmail.com

Riproduzione consentita con citazione della fonte

Commenti

Post popolari in questo blog

LA VOLPE: ANIMALE TOTEM

NON SPIEGARE A CHI NON VUOLE CAPIRE

IL PURO AMORE DELLA MAESTRA ASCESA LADY ROWENA